Il Cerchio delle Costellazioni Familiari

Usare il Campo Morfogenetico delle Costellazioni familiari utili per fare pace con il passato e vivere felici.

Attraverso l’energia del Cerchio rappresentiamo la nostra vita per permetterci di “vedere” oltre e capire i nostri condizionamenti, memorie e ferite. Utilizzando vari strumenti fra cui le Rune, attivatori di energia che ci aiutano nella trasformazione, l’energia del Reiki e il Campo Morfogenetico che si crea  e ci aiuta ad “incontrarci” oltre lo spazio e il tempo e le Costellazioni, chiediamo aiuto alla nostra parte Divina ricevendo l’energia necessaria per compiere il nostro cammino nella gioia e nella luce.

Un incontro per capire, per risolvere e guarire nei vari settori della nostra vita.

Gli esercizi attraverso le Costellazioni Familiari:

Se vuoi capire te stesso è importante e utile comprende il ruolo che i genitori, i nonni, i fratelli e le sorelle hanno avuto nella tua vita e come e quanto le dinamiche familiari ti hanno condizionato.  E’ utile la comprensione di ciascuno dei componenti e arrivare ad un amore non tanto incondizionato, ma piuttosto un amore “Grato”.

L’amore grato racchiude invece in sé il senso della riconoscenza: a prescindere da ciò che è stato o ciò che è, io ti vedo, ti riconosco, ti comprendo, ti ringrazio e vado avanti. Questo è un amore che permette a ognuno di noi di andare oltre, vedere nuovi orizzonti e scoprire condivisione e serenità che, secondo la mia visione, sono alla base per garantire un futuro propizio ai nostri figli e nipoti. Ricordiamoci che i bambini sono il nostro futuro e tutti gli adulti hanno il dovere e la responsabilità di impegnarsi con l’intento della consapevolezza, cercando di garantire la qualità della loro vita.

Usare il Campo delle Costellazioni Familiari per riconoscere e onorare i ruoli delle madri e delle nonne per poter comprendere la propria realtà soggettiva, maturando una visione oggettiva.

Le rappresentazioni consistono nel mettersi nei panni della propria mamma, poi in quelli della nonna e infine in quelli da figlio/a, ovvero interpretare ciascun ruolo con il vissuto emotivo di riferimento e avere quindi finalmente la possibilità di sentire, percepire, vedere, riconoscere e comprendere, per poi infine ringraziare amorevolmente.

Quando ci ritroviamo ad interpretare nostra madre, si comprende le sue paure,  le sue conflittualità nei confronti di sua madre; quando si interpreta una nonna si comprende i suoi timori, i suoi disagi e il suo rapporto conflittuale con sua figlia; quando si interpreta noi da piccola si capisce come le abbiamo viste e giudicate, comprendendo così quanto  ancora ad oggi siamo nel ruolo della bambina arrabbiata.

Oggi che siamo adulti, responsabile e genitori, possiamo comprendere gli altri attraverso le costellazioni  e quindi arrivare ad amare profondamente con gratitudine sia nostra madre che nostra nonna e accettare quel senso di rabbia che è con noi da sempre.

Quello che possiamo comprendere è che al loro posto, con lo stesso vissuto e le stesse esperienze di vita, alla stessa età, anche noi avremmo agito esattamente come loro. Non sarebbe potuto essere diversamente.  Da quel momento diventa tutto chiaro: è come liberazione da un qualcosa che da tempo opprime, per dar via libera alla vita, permettendole di manifestarsi nel suo infinito splendore.

È importante acquisire una lucidità oggettiva, vivendo nel qui e ora, comprendendo la storia dei nostri familiari. Le rappresentazioni delle costellazioni famigliari sono di notevole aiuto e guida per arrivare spontaneamente alle risposte di cui abbiamo bisogno, maturare una saggia consapevolezza personale oggettiva, ritrovando così, con tempo, la fiducia, la condivisione e la serenità interiore tanto ricercate da ognuno di noi.

Gli incontri sono di Gruppo o Individuali

Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento